FIGLIE FEMMINE_Urbino_14 marzo 2012

Silvia Badon autrice di
Esperienze di cinema dalle
ceneri della Jugoslavia. Bosnia Erzegovina
e
Aida Begic regista di
Snijeg (Snow)
partecipano a
FIGLIE FEMMINE


L’INTERVALLO TRA LE COSE
Urbino, mercoledì 14 marzo, sala del maniscalco
ore 17.30 conversazione con Silvia Badon
ore 21 presentazione e proiezione di Snijeg con l’autrice Aida Begic
con Giovanna Errede

 

Silvia Badon. Partita con l’idea di scrivere una tesi di laurea magistrale sul cinema della scena balcanica, la giovane scrittrice, pubblica per la casa editrice Gabbiano, Esperienze di cinema  dalle ceneri della Jugoslavia. Bosnia Erzegovina.
L’approccio non limitato allo studio bibliografico e di ricerca di materiale, l’ha portata ad approfondire l’aspetto storico e cinematografico della Bosniza Erzegovina; in corso di stesura della tesi, la scrittrice è partita per la Bosnia, dove ha condotto indagini sul campo e ha raccolto numerose interviste.Nel gruppo Saga, Silvia Badon trova la principale fonte di informazione: “il Gruppo SaGA, straordinario, durante l’assedio ha continuato con qualsiasi mezzo a lavorare e a realizzare documentari.. e con un rischio altissimo”. Esperienze di cinema  dalle ceneri della Jugoslavia. Bosnia Erzegovina, raccoglie le esperienze dei bosniaci che hanno trovato nel cinema un modo per sopravvivere psicologicamente all’assurdità dell’assedio di Sarajevo. “La situazione – spiega l’autrice –  era allucinante: organizzarsi, raccontare, trovarsi, è stato l’unico modo della popolazione per mantenere la lucidità: riprendevano la vita della gente a Sarajevo, la vita dei giornalisti, le code per l’acqua, per il pane…” Come emerge dal libro, il fare cinema è stato un orgoglio della popolazione bosniaca, è stato un modo per trovare il riscatto. Inizia con il famoso Kusturica, arriva fino alle autrici del cinema bosniaco e va oltre l’analisi bibliografica del cinema: il libro riporta le storie della resistenza, aiuta a far conoscere le autrici del cinema bosniaco.Il volume, tiene a sottolineare l’autrice “è dedicato alla Bosnia Erzegovina”. (da Eva Dolcemascolo)

Aida Begic. Giovane regista bosniaca, docente di regia alla Sarajevo Academy of Performing Arts, ha diretto numerosi film commerciali, video spot e film promozionali. Nel 2004 con la collega Elma Tataragić fonda una casa di produzione indipendente, MAMAFILM. Ha collaborato a Do you remember Sarajevo?
Snijeg (Snow), opera prima della regista, ha vinto il premio della Settimana della critica al Festival di Cannes
Sei donne, quattro ragazze, un anziano e un bambino vivono in un villaggio isolato di Slavno. I loro familiari sono stati uccisi durante la guerra e i loro corpi non sono mai stati trovati. Le condizioni di vita sono molto difficili, ma quando due businessman propongono agli abitanti del villaggio di abbandonare le loro case in cambio di una cospicua somma di denaro, loro non sanno se accettare.
 
Annunci

Informazioni su Sartorie Culturali onlus

© sartorie culturali onlus e © le panier vert

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: