L’appello di una madre

Bisognerebbe iniziare a inviare questo materiale alle università che formano gli operatori dei servizi sociali. Sono anch’esse colpevoli di situazioni come queste.

il ricciocorno schiattoso

incuboTempo fa ho condiviso la testimonianza di una donna, all’interno di un progetto che si proponeva di dare spazio alla versione di lei su un argomento che ormai da anni è affrontato quasi esclusivamente dal punto di vista maschile: la separazione.

Recentemente quella donna mi ha nuovamente contattata, per denunciare una situazione nella quale sente di non poter sopravvivere più.

Suo figlio è malato. Soffre di una rara patologia autoimmune a causa della quale da più di un anno entra ed esce dall’ospedale e gli è stata riconosciuta una invalidità civile di grado grave.

Nel corso della convivenza con il padre del bambino questa donna non ha mai sporto denuncia per le violenze subite, ma, quando, dopo la separazione, viene aggredita mentre ha il bambino in braccio decide di rivolgersi alle forze dell’ordine, pensando forse che il referto del pronto soccorso possa conferire alla sua storia quella credibilità che…

View original post 1.383 altre parole

Annunci

Informazioni su Sartorie Culturali onlus

© sartorie culturali onlus e © le panier vert

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: